Auto elettriche quanto di consuma la batteria
0

Auto sempre più eco-friendly e numerosi progetti di elettrizzazione della gamma sono due tra gli obiettivi più moderni delle Case automobilistiche: ma il cuore delle vetture elettriche, cioè la batteria, quanto durerà?

Ecco un focus su un importante aspetto della mobilità green.

L’autonomia delle auto elettriche

Facciamo subito una premessa: il degrado della batteria non è lineare e progressivo ma viene influenzato da fattori diversi e concatenati tra loro, che insieme possono influenzare (più o meno pesantemente) la perdita di efficienza del motore elettrico.

Perché siamo naturalmente orientati a pensare che gli accumulatori auto dureranno poco? Il motivo è semplice: le batterie fanno ormai parte da tempo delle nostre abitudini e, come ben sappiamo, soffrono di due limiti cioè potenza e durata.

Un veicolo dev’essere sufficientemente potente per garantire viaggi sicuri, ecco perché questo un aspetto fondamentale delle nuove auto green è espresso dalla loro autonomia, cioè la durata massima della carica elettrica.

Ma quanto potranno durare i pacchi batterie delle moderne vetture elettriche? Con che velocità si degraderanno?

Il degrado delle batterie auto

La capacità delle moderne batterie auto, la perdita di efficienza degli accumulatori con il passare degli anni e le numerose ricariche sono tre importanti problematiche a cui la maggior parte della Case automobilistiche sopperisce fornendo garanzie sulle batterie stesse (in anni o km).

Se alla sua messa sul mercato lo stato di una batteria è del 100%, questo valore con il tempo e le ricariche diminuisce a causa di un processo naturale che riduce in modo permanente la quantità di energia che il generatore può immagazzinare.

Questo ovviamente incide in modo sempre più pesante sull’utilizzo della vostra vettura: ma quanto in fretta si degradano le moderne batterie auto durante il loro normale ciclo di vita?

Come sempre con lo sviluppo di queste tecnologie si sono moltiplicati anche gli studi di settore, come ad esempio quello svolto dalla società Geotab (soluzioni software per la gestione delle flotte aziendali): esaminando 6.300 veicoli elettrici i ricercatori hanno riscontrato che il degrado medio delle batterie auto è del 2,3% all’anno.

Ciò che si desume immediatamente è che si tratta di una perdita di efficienza trascurabile, soprattutto equiparata al normale ciclo di vita dei veicoli.

Le caratteristiche che allungano la vita delle batterie auto

Dalle ricerche è emerso che ci sono delle variabili che incidono sulla durata media delle batterie auto, e uno su tutti è il sistema di raffreddamento dell’accumulatore: per ottenere il minor degrado possibile, quest’ultimo dovrebbe essere a liquido.

Un altro fattore importante riguarda un aspetto meno controllabile, cioè le temperature ambientali: se queste sono estreme o subiscono cambi eccessivamente repentini, lo stato della vostra batteria auto peggiorerà più in fretta.

Vi ricordiamo inoltre che l’esaurimento delle batterie non è progressivo e che non è influenzato direttamente dalla frequenza di utilizzo della vettura, bensì dalle ricariche: infatti un terzo fattore di degrado prematuro riguarda proprio il numero di cicli di rifornimento, seguito a ruota dalla tipologia di ricarica (rapida o lenta) e dal modo in cui viene effettuata (se parzialmente o totalmente).

Per risolvere al meglio queste problematiche nel minor tempo possibile, garantendo così sempre maggiore autonomia alle future vetture in commercio, le Case automobilistiche stanno investendo in una ricerca costante per da aumentare le loro performance e riuscire a produrre (per vendere o noleggiare) sempre più veicoli elettrici.

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guide pratiche