Circuito di Nürburgring
0

Il circuito del Nürburgring è tra i più famosi del mondo: dedicato alle competizioni automobilistiche e motociclistiche, ma anche alla pubblicità, è anche tra i circuiti più pericolosi! Ecco la sua storia.

Storia del Nürburgring

La Germania dei primi anni del 20° secolo era protagonista del mondo delle corse, ma in realtà non aveva tracciati permanenti. Ecco perché il 27 settembre 1925 fu posata la prima pietra di quello che sarebbe stato il Ring (anello) che conosciamo oggi, teatro della nascita di miti come Mercedes-Benz e Auto Union, oltre a numerosissime vittorie importanti.

L’inaugurazione del tracciato, che si snodava tra i saliscendi dei comuni di Adenau, Nürburg e Müllenbach (nell’Eifel, zona in gravi condizioni post belliche) avvenne il 18 giugno 1927: nella mente dei suoi progettisti, il Nürburgring doveva essere il più difficile circuito al mondo.

L’uso dell’intero tracciato ha subito variazioni negli anni: la Südschleife fu usata sempre meno nel dopoguerra, e la dicitura Nürburgring indicava la sola Nordschleife, su cui si corse il Gran Premio di Germania dal 1951 al 1976 (eccetto 1959 e 1970).

Proprio nel 1970 la pista fu profondamente ammodernata: la sede stradale è stata rifatta e lungo il percorso sono stati aggiunti i guard-rail. Nonostante questi ammodernamenti avvenne comunque il pauroso incidente di Niki Lauda, nel veloce curvone che gli appassionati chiamano Lauda Linksknick, e così la corsa fu trasferita all’Hockenheimring. Era davvero la fine di un’era.

La massima serie tornerà poi nel 2009 (e prima nel 1985) grazie al nuovo tracciato Gp-Strecke, costruito dove sorgeva la Südschleife: l’inaugurazione avvenne nel 1984 con una corsa per sole Mercedes, e le ultime modifiche furono effettuate nel 2002.

Nürburgring: i tracciati

Il circuito del Nürburgring è attualmente diviso in 2 sezioni, una più corta e l’altra più lunga:

  • Gp Strecke – più di 5 km (ex Südschleife)
  • Nordschleife – 20 km con ben 98 curve

Quest’ultimo è usato come pista di prova per testare i prototipi delle principali vetture che verrano lanciate sul mercato, e vi si alternano curve difficili e dolci, saliscendi e rettilinei.

Nordschleife e Südschleife sono state teatro dei Gran Premi di Germania di F1, in cui si sono tenute ben 4 edizioni: 1985, 2009, 2011 e 2013. Inoltre, ci sono stati 12 Gran Premi d’Europa di Formula 1, negli anni dal 1984 al 2007 (con diverse pause).

Del Ring esiste anche una configurazione endurance che si crea unendo la Nordschleife e la Gp Strecke (esclusa l’area della Mercedes Arena): il tracciato così formato è lungo circa 25 km.

I piloti e i record del Nürburgring

Il terribile incidente di Niki Lauda durante il Gran Premio di Germania del 1976 ha segnato l’esclusione dal calendario del campionato mondiale.

Un altro pilota molto famoso e legato al circuito tedesco, anche se in maniera positiva, è l’indimenticabile Michael Schumacher: per omaggiarne la carriera gli assegna il “Nürburgring Award”, riconoscimento ideato dai proprietari del tracciato e ritirato dalla manager Sabine Kehm. L’ex pilota della Ferrari è indissolubilmente legato al circuito “corto” del Nurburgring e ha una curva dedicata tra la Shell e la Dunlop.

Ottenere tempi record sulla pista del Nürburgring è tra i principali obiettivi delle scuderie più famose:il più veloce è attualmente della Lamborghini Aventador SVJ che ha girato in soli 6:44.97.

 

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Curiosità