come pulire tappetini auto
0

Se state pensando a come pulire i tappetini dell’auto e non sapete da dove cominciare, vi diamo noi qualche suggerimento per far tornare come nuova la tappezzeria del vostro veicolo.
I tappetini auto sono le parti in cui si annidano batteri, polvere e sporco. Soprattutto chi ha difficoltà respiratorie, soffre di allergie, o si ammala facilmente, potrà trovare grande beneficio se nell’abitacolo la moquette è sanificata e pulita.


Spesso viene dato poco peso alla pulizia tappetini, pensando che una passata con l’aspirapolvere una volta ogni tanto possa bastare, ma la realtà è ben diversa. E’ utile tenere pulita la tappezzeria soprattutto se si utilizza il mezzo di trasporto per lavoro (ad esempio veicoli commerciali oppure macchine di rappresentanza).

Come pulire tappetini auto: i materiali da trattare

Prima di indicare i metodi di pulizia dei tappetini dell’auto è bene soffermarsi sui materiali con cui sono prodotti. Questo perché da un materiale all’altro possono cambiare i detergenti da impiegare.

  • Moquette: i tappetini auto realizzati in questo materiale sono quelli più difficili da pulire perché solitamente la moquette impiegata è a maglia molto stretta. Questo comporta una maggior difficoltà di pulizia, in quanto le impurità rimangono più facilmente intrappolate all’interno del materiale.
  • Tessuto: seppure in disuso, si trovano dei tappetini in tessuto soprattutto su vetture datate oppure se vengono acquistati sul mercato after market. Questi solitamente sono lavabili in lavatrice perché sono usati più che altro come un sovra tappeto.
  • Simil moquette: i tappetini auto in simil moquette sono i più diffusi. In realtà è un materiale sintetico che simula l’effetto moquette. La finitura superficiale può essere differente, ma la sostanza non cambia. Il 90% delle vetture viene venduto con questo tipo di tappezzeria.
  • Gomma: i tappetini in gomma sono impiegati solitamente sui veicoli da lavoro oppure sulle auto neo corso dei mesi invernali (per non bagnare e infangare i tappetini più pregiati). Inoltre anche i tappetini comunemente presenti sulle vetture hanno una parte gommata.

Prima fase pulizia tappetini auto: l’aspiratura

Qualsiasi consiglio su come pulire i tappetini dell’auto deve prevedere all’inizio il passaggio con l’aspirapolvere. Addirittura prima andrebbero tolti dalle loro posizioni, sbattuti con il battipanni oppure contro una ringhiera metallica (come è spesso presente nei centri di autolavaggio auto) o ancora tra di loro e successivamente passati con l’aspiratore. Evitate di sbattere il tappeto contro muri o legname: non solo rischiereste di rovinare la superficie, ma potreste avere un trasferimento dell’intonaco (se sbattete il tappetino contro un muro bianco vi ritroverete con la moquette biancastra).

Seconda fase pulizia tappetini auto: il detergente

Per i tappetini in gomma la pulizia è più semplice perché è sufficiente una passata con la canna dell’acqua o con l’idropulitrice ed eventualmente una pulita con acqua e sapone neutro, aiutandosi con una spazzola. Quindi passare alla fase di risciacquo.
Più complicata è invece la pulizia dei tappetini auto realizzati con altri materiali. In commercio esistono dei detergenti appositi che vanno spruzzati uniformemente, lasciati agire per qualche minuto, ma successivamente si rende necessaria l’azione di una spugna o di una piccola spazzolina a setole morbide (non acquistate per alcun motivo una spazzola a setole medie o dure perché rovinereste il tappetino).


Meglio poi passare al risciacquo, il quale dovrebbe avvenire a bassa pressione (riempite un secchio di acqua tiepida e buttatelo sopra oppure passate il tappeto sotto al getto di un rubinetto). In alternativa è possibile prendere una nuova spugna, bagnarla e passarla sopra al tessuto del tappeto sempre nello stesso senso.


Alcuni prodotti alternativi sono delle schiume speciali che hanno il compito di intrappolare lo sporco. Il resto della procedura è identica a quella appena descritta.
Vi è anche un sistema di pulizia a secco: ci sono prodotti che sono pensati per la pulizia della tappezzeria dell’auto che non richiedono l’acqua. In questo caso è bene attenersi alle istruzioni indicate sulla confezione di acquisto. Cercate di farle il lavoro all’aperto poiché questo genere di detergenti tende a far polvere (simile a borotalco).


Per la parte in gomma che si trova posteriormente, è sufficiente un secchio con acqua e sapone. Una spazzola e il vostro braccio fanno il resto.
Prima è consigliabile procedere proprio con il lavaggio della zona gommata del tappetino (il retro) e in seguito dedicarsi alla moquette (la superficie a vista).
Se non avete modo di acquistare il detergente apposito per pulire i tappetini, potete utilizzare il detersivo in polvere per la lavatrice, ma attenzione a non esagerare nel dosaggio, poiché diventa poi difficile da eliminare totalmente in fase di risciacquo.

Terza fase pulizia tappetini auto: l’asciugatura

Se la giornata è soleggiata potreste pensare di stendere i tappeti all’ombra (al sole sbiadirebbero) in una zona ventilata. Ecco un piccolo accorgimento: quando li stendete, fatelo verticalmente in modo che i tappetini non abbiano pieghe o curve. In questo modo riuscite a mantenere la forma e si asciugano sia nella parte davanti che nella parte dietro (gommata). Abbiate cura nel fissare in maniera salda i tappetini poiché l’acqua, per l’effetto gravità, dopo qualche minuto tenderà ad andare verso il basso appesantendo molto l’oggetto e sbilanciandolo.


Se siete di fretta, potete asciugare i tappetini della vostra auto con un getto di aria calda (ad esempio con il phon). Questo metodo è consigliato in caso di risciacquo effettuato unicamente con la spugna. Il suggerimento utile alla resa e alla sicurezza operativa, è di mantenere l’elettrodomestico a circa 30 cm dalla superficie del tappetino. Le fibre che compongono il tessuto sono sintetiche e con l’eccessivo calore potrebbero rovinarsi.
La soluzione ideale sarebbe quella di asciugare prima il tappetino con un asciugamano dal buon potere assorbente e poi ultimare il processo con il phon, selezionando aria tiepida.

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guide pratiche