Mini Clubman
0

L’ultimo restyling della seconda generazione dell’apprezzata Mini Clubman risale al 2019: ecco tutto ciò che dovete sapere sull’affascinante versione familiare del mito Mini.

Mini Clubman: design e interni

Il 2019 è stato l’anno del restyling per la seconda generazione della Mini Clubman, che ha perso alcune peculiarità senza però perdere il fascino tipico dei modelli Mini.

La Mini Clubman riprende le classiche linee Mini con un aspetto più piantato a terra: il frontale si contraddistingue per i classici fari tondi che abbracciano l’ampia mascherina dal bordo cromato, mentre il posteriore è molto diverso, anche grazie ai fanali a sviluppo orizzontale che ben si integrano con il design complessivo.

La lunghezza è aumentata notevolmente rispetto al modello precedente (ora 4,25 metri), e l’auto si riconferma matura e adatta alle esigenze di una famiglia, con 5 posti e un bagagliaio da 360 litri (fino a 1250 abbattendo i sedili), con le portiere di accesso sdoppiate, tratto distintivo del modello inglese. La versione restyling abbandona la porta singola ad apertura controvento presente nella prima generazione rendendo l’accesso all’abitacolo molto più confortevole grazie alle 4 porte standard.

Gli interni ricalcano fedelmente quello delle altre Mini, con la plancia dominata dal quadro strumenti rotondo e ben leggibile, che vede sovrano il monitor dell’infotainment, e sono costruiti con materiali e assemblaggi di qualità che appagano sia il tatto che la vista.

Tra i sistemi multimediali c’è anche un raffinato hi-fi Harman Kardon.

Mini Clubman: motori e prestazioni

Mini Clubman offre una gamma motori che comprende propulsori sia benzina che diesel: tra i primi c’è il 1.5 tre cilindri con 102 e 136 cavalli, oltre al più performante 2.0 litri da 192 (anche a trazione integrale), mentre quelle a gasolio sono dotate di un 1.5 con 116 cavalli e un 2.0 da 150 e 190 (Cooper D).

I consumi dichiarati vanno dai 17,2 km/l delle versioni base benzina, fino ai 15,2 km/l delle top di gamma; ovviamente i più risparmiosi sono i motori diesel che vanno dai 23,3 km/l della base fino ai 20,8 del 2.0.

Chi macina parecchi chilometri può quindi optare per i Diesel, anche piccoli, mentre chi vuole più brio può scegliere l’equilibrata 1.5 turbo benzina da 136 cavalli, un’auto che gira regolare, spinge forte e beve poca benzina.

Mini Clubman: allestimenti e prezzi

Gli allestimenti disponibili a listino per la Mini Clubman sono 4:

  • One – versione base con Bluetooth, Mini Mobility System, Retrovisori elettrici, Condition Based Service (indicatore prossimità intervento manutenzione), MINI Mobility Kit, e tanto altro;
  • One Boost con cambio manuale a 6 marce e Pacchetto Boost;
  • One Business con cerchi in lega 16″ Revolite Spoke Argento, Controllo elettronico della trazione (ASC+T), DSC III (Dynamic Stability Control), Brake Energy Regeneration e Pacchetto Business;
  • One Hype – top di gamma co Active Guard, Keyless GO, Cambio manuale a 6 marce e Pacchetto Hype.

Ad ogni modo le possibilità di personalizzazione sono davvero numerose, con optional come fari, fanali e fendinebbia a led, sedili in pelle, head-up display, telecamera anteriore con il cruise control adattativo e abbaglianti automatici.

I prezzi della Mini Clubman (aggiornati al 2019) partono dai 23.500 della base ai 27.500 della top di gamma.

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guida all'acquisto