Verificare pagamento vecchio bollo auto
0

Con tutte le incombenze che avete in mente ogni giorno, ricordarsi ogni scadenza è un vero rompicapo: il bollo auto, ad esempio, è stato pagato? Come si verifica il pagamento del bollo auto per gli anni precedenti, in caso di dubbio? Scopriamolo insieme.

Bolli auto: pagamenti arretrati

Per quale motivo dovrebbe interessarvi controllare di aver pagato il bollo degli anni precedenti? Per il semplice motivo che essere certi di aver pagato (oppure no) la tassa di possesso auto è una sicurezza importante che vi mette al riparo dalla ricezione di eventuali costose cartelle esattoriali, e dall’iter da seguire per sistemare queste situazioni scomode.

Inoltre, pagare in tempi brevi, o comunque prima che arrivi l’avviso di accertamento, un bollo arretrato vi permetterà anche di risparmiare, in virtù del fatto che potrete usufruire ancora dello sconto sulle sanzioni: entro il primo anno di ritardo si paga poco di più rispetto al totale effettivo (ravvedimento operoso), poi scatta la mora del +30%.

Quali sono le sanzioni per il mancato pagamento del bollo

Verifica pagamento bollo auto anni precedenti

Vediamo nello specifico quali sanzioni comporta il mancato pagamento del bollo. Esistono diversi scaglioni dove l’importo da pagare aumenta man mano che si accumulano i giorni di ritardo:  

  • sanzione pari allo 0,1% dell’importo originario (più gli interessi legali per ogni giorno di ritardo): prevista in caso di pagamento entro 14 giorni dalla scadenza;
  • sanzione pari allo 1,5% dell’importo originario (più lo 0,2% di interessi per ogni giorno di ritardo): se il pagamento viene effettuato fra il 15° e il 30° giorno dalla scadenza;
  • sanzione pari allo 1,67% dell’importo originario (più lo 0,2% di interessi per ogni giorno di ritardo): se il pagamento avviene fra il 31° e il 90° giorno dalla scadenza;
  • sanzione pari al 3,75% dell’importo originario (più lo 0,2% di interessi per ogni giorno di ritardo): se il pagamento avviene a partire dal 91° giorno fino ad 1 anno dalla scadenza;
  • sanzione pari al 30% dell’importo originario (più l’1% di interessi per ogni semestre) se si supera l’anno di ritardo.

Bollo auto non pagato: ulteriori conseguenze 

Se non si paga il bollo auto entro 3 anni, la situazione risulta più complessa: in primo luogo potrebbe essere inviato un avviso di accertamento della Regione, che cade in prescrizione dal 1° gennaio dell’anno successivo. Si riceverà quindi un avviso di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Se la cartella esattoriale, inviata con raccomandata A/R, viene notificata nei tempi corretti, sono previsti 60 giorni per il pagamento, pena esecuzioni forzate come il pignoramento del conto corrente o il fermo amministrativo dell’auto.

Inoltre, tra le conseguenze previste del mancato pagamento, potrebbe esserci la cancellazione d’ufficio dell’auto dal PRA nella Regione di appartenenza. Se poi si decidesse di circolare comunque, la pena corrisponderebbe al sequestro del veicolo con una multa da 419 a 1682 euro.

Verifica del pagamento del bollo auto sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Per via di quanto previsto nell’articolo 51 del decreto legge n. 124/2019, l’archivio dell’Agenzia delle Entrate relativo alle tasse automobilistiche sarà dismesso a favore del nuovo sistema informativo del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) gestito dall’Automobile Club d’Italia (ACI).

Il servizio di controllo del pagamento e il calcolo del bollo auto, quindi, non sono più servizi offerti dall’Agenzia delle Entrate.

Bollo auto: verifica del  pagamento del bollo auto sul sito dell’ACI

La verifica dei pagamenti arretrati sul sito dell’ACI è fruibile per i residenti in Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria oltre a coloro che risiedono nelle province autonome di Bolzano e Trento.

Per procedere al controllo bisogna inserire tutti i dati nell’apposita sezione del sito ACI e inviare una richiesta di riesame accompagnata da documentazione in pdf o jpeg.

Bollo auto: altre soluzioni per la verifica del pagamento

In caso non ci si senta sicuri di aver sempre pagato il bollo auto ci sono altre modalità oltre al consulto del sito ACI per verificare la propria situazione, tenendo a portata di mano la targa dell’auto interessata:

  • consultare il sito tributi regionale, come ad esempio in Lombardia e Piemonte, tenendo a portata di mano le proprie credenziali SPID, necessarie per l’accesso
  • recarsi in un ufficio locale ACI e chiedere informazioni
  • andare in un’agenzia di pratiche automobilistiche 

C’è da tenere in considerazione che l’importo del bollo e la riscossione sono sempre più in mano alle singole regioni, quindi il consiglio è di visitare il sito ufficiale della propria regione per controllare se è stato attivato un servizio di verifica di pagamento del bollo auto.

Leggi anche:

Comments

Comments are closed.

Altri articoli in Guide pratiche